Dina Cangi

Dina Cangi nasce ad Arezzo dove vive e lavora in località Chiani 110.
Dopo il diploma di scuola superiore si dedica all'arte esercitando, con un'assidua ricerca di colori, luci, superfici e materiali, la pratica della pittura. E' appassionata di antropologia e archeologia: apprezza in modo particolare la civiltà etrusca e quelle orientali con un interesse mirato alle loro filosofie e ai loro presupposti culturali. Un coinvolgimento che testimonia il suo apprezzamento per la tradizione e per la cultura del passato che Dina tende a recuperare, filtrare e restituire, attraverso certe suggestioni dei suoi lavori, con gli occhi e il cuore di chi vive da militante l'arte della propria contemporaneità. Ottiene fin dalle sue prime apparizioni in mostre collettive, rassegne e concorsi, immediati riconoscimenti da parte del pubblico e della critica specialistica. Imedia non risparmiano servizi e recensioni.
Dagli anni Novanta inizia con sistematicità a essere invitata a mostre personali in Italia e all'estero: da segnalare a proposito il grande successo ottenuto a Berlino, Dusseldorf e Regensburg (Germania), Atlanta (USA) e Gent (Belgio).
In Italia sono state apprezzate in modo specifico le mostre di Cortona, Castiglion d'Orcia, Chianciano, Pienza, Bologna, Padova, Mantova, L'Aquila, Roma, Perugia, Pordenone, Bari e Follonica. A Firenze e Arezzo ha esposto più volte destando sempre il medesimo interesse.
Alcune delle sue opere fanno parte di collezioni pubbliche e private.
Hanno scritto di lei: Franca Calzavacca, Chiaramarina Camèra, Carlo Cinelli, Liletta Fornasari, Benvenuto Guerra, Michele Loffredo, Flavia Maccelli, Antonio Oberti, Dino Pasquali, Tommaso Paloscia, Maurizio Vanni, Monica Venturi.

We use cookies on this site to enhance your user experience